La parola Yoga significa Unione. Grazie ad esercizi di postura (Asana), di respirazione (Pranayama), di concentrazione (Dharana) e di meditazione (Dhyana), si impara a ritrovare il giusto equilibrio (Hatha) tra corpo, mente, spirito e l’unione con il Sé. Gli insegnamenti seguono l’antica tradizione del Maestro Sri Sri Sri Satchidananda Yogi, lo Yogi Silente di Madras (India).

Quali sono i benefici dello Yoga?

 

CORPO. Attraverso una serie e di esercizi, la pratica dello Yoga aiuta a comunicare con il proprio corpo, comprendendo dove lavorare per migliorare il proprio benessere fisico. Le posizioni (Asana) allungano e contraggono continuamente le fasce muscolari andando a stimolare e rilassare il corpo. Incrementano la circolazione sanguigna non solo a livello muscolare ma anche ghiandolare, nervoso, articolare e viscerale favorendone il funzionamento. Il respiro lento e profondo accompagna i movimenti delle Asana, calmando il sistema nervoso e portando tranquillità. Il corpo acquista buona salute, vigore, forza fisica e grazia.

MENTE. Il controllo del respiro (Pranayama) e la pratica delle Asana aiutano a rilassare le tensioni ed aumentare la concentrazione (Dharana), diminuendo gradualmente i pensieri. La mente, liberata dai suoi automatismi, diviene leggera. La capacità di mettersi in gioco e provare qualche esercizio di maggiore intensità accresce la forza e la determinazione, aiutando a superare le paure e gli ostacoli della vita quotidiana e le cattive abitudini.

SPIRITO. Si sviluppa la consapevolezza dell’interrelazione tra la dimensione emozionale, mentale e fisica, e, di come un disturbo qualsiasi in uno di questi livelli influenzi gli altri. Gradualmente questa consapevolezza porta ad una comprensione delle aree più sottili di se stessi. La meditazione (Dhyana) porta il praticante ad entrare in contatto con la sua parte più profonda, il Sé.

Chi può praticare Yoga?

 

La parola Yoga deriva dalla radice sanscrita “yug” che significa unire. Ci sono diversi tipi di Yoga come il Karma Yoga, il Bhakti Yoga, il Kundalini Yoga, … L’Hatha Yoga lavora in primis sul piano fisico per poi portare equilibrio tra corpo, mente e spirito. Vengono proposte sequenze dinamiche, posture, esercizi di respirazione, di concentrazione e di meditazione.

Non ci sono limiti di età per iniziare a praticare Yoga ma è preferibile iniziare il prima possibile. Nelle lezioni individuali e di gruppo vengono proposte pratiche diverse a seconda delle esigenze, cercando di curare in ogni caso le tensioni presenti. Per le persone giovani vengono proposte delle sequenze dinamiche come riscaldamento ed a seguire esercizi più lenti oppure statici. Alcune delle posizioni sono eseguite concentrandosi su un gruppo di muscoli sviluppando forza e flessibilità, altre invece consistono nello stare in equilibrio su mani, piedi o sulla testa. Per le persone anziane proponiamo lezioni individuali con movimenti dolci ed esercizi di respirazione.

Per comprendere meglio le difficoltà e quindi migliorare i benefici della pratica al momento dell’iscrizione viene chiesto di compilare un modulo di stato-salute. Per maggiori informazioni riguardo le norme e le cautele per la pratica consigliamo di leggere questo articolo. Per qualsiasi domanda riguardo la possibilità di praticare Yoga invitiamo a telefonarci o scriverci visitando la pagina contatti.

ARTICOLI IN EVIDENZA

(Ri)Prendere un ritmo comune

(Ri)Prendere un ritmo comune

Chi pratica yoga lo sa, l’equilibrio fra dentro e fuori è sempre sottile, perché siamo fatti di molti strati e di connessioni infinite a ciò che ci circonda. Non ci si può prendere cura del corpo e mortificare la mente o viceversa. Lo yoga per me è stato una grande...

leggi tutto

Vi sono due fasi nell’insegnamento…

"La prima quando avrete a che fare con persone che vengono una volta alla settimana 'a fare yoga', che non sono ancora veramente interessate e che non sono sempre fedeli. Sarà il periodo più duro per voi. La seconda fase è quando queste persone saranno toccate dalla...

leggi tutto

Riflessioni sulla cura

Il tema della “cura” è quello che ci sta più a cuore. Non la cura intesa come “terapia”, e nemmeno come “sostegno alla sopravvivenza”, citando gli studi di Luigina Mortari, ma quella cura “che coltiva l’essere per farlo fiorire. [che] Non è risposta all’urgenza di...

leggi tutto

Pin It on Pinterest